_DSC0476

foto di Starfooker / testo di Elia Alovisi

I londinesi Kula Shaker sono una di quelle band fuori dal tempo, ugualmente influenzati dal folk e dalla psichedelia dei 60s come dall’alt-rock dei 90s e dalla musica indiana. Per dirne una, Infinite Sun – primo estratto dal loro nuovo album K 2.0 – ha messo subito la cosa in chiaro con una sorta di linea di sitar su cui il cantante Crispian Mills se ne è uscito con un mantra simil-spirituale che si conclude in un “c-c-c-c-changes” e una chitarrona con un fuzz che recentemente abbiamo sentito fare così bene solo ai King Gizzard & The Lizard Wizard. Ieri, il gruppo era all’Alcatraz di Milano per la prima delle due date in Italia dal loro tour (la seconda stasera all’Orion di Roma). Il nostro Starfooker era lì, e trovate qua sotto una selezione delle sue foto migliori. In supporto, i Black Casino and the Ghost.

BLACK CASINO AND THE GHOST

_DSC0248

_DSC0242

_DSC0267

_DSC0278

DSC_6281

DSC_6205

DSC_6257

DSC_6271

DSC_6275

KULA SHAKER

_DSC0317

_DSC0324

_DSC0326

_DSC0343

_DSC0392

_DSC0396

_DSC0407

_DSC0447

_DSC0464

_DSC0470

_DSC0490

DSC_6436

DSC_6298

DSC_6313

DSC_6331

DSC_6353

DSC_6424