Home Notizie Brevi La luce dei Pinhdar nel nuovo video Little Light, in anteprima

La luce dei Pinhdar nel nuovo video Little Light, in anteprima

0
Pinhdar Pic 5

In attesa del secondo album dei Pinhdar ci guardiamo in anteprima il nuovo video di Little Light

Little Light è il nuovo della band trip-hop/dark-wave milanese Pinhdar. È il secondo singolo in vista dell’uscita, fissata per il 22 marzo, dal secondo album A Sparkle On The Dark Water in uscita per Fruits de Mer Records. Il brano racconta la metafora di un rapporto in cui uno dei due soggetti si sente insicuro e smarrito – “brancola nel buio” – la cui unica luce per orientarsi è quella che riceve dall’altro. Come fosse un pesce negli abissi più profondi, chi è al suo fianco gli dà occhi e sensibilità per non andare alla deriva. Espressione di solidarietà umana o di amore? Poco importa, perché ancora una volta il pathos sapientemente generato dall’espressiva voce di Cecilia Miradoli e dall’intensa musica sintetica di Max Tarenzi trasporta l’ascoltatore in un universo introspettivo in cui tutti possono identificarsi. Arpeggiatori elettronici e chitarre nervose si fondono, con gusto, nella creazione di atmosfere dream pop e dark wave.

Il duo ha esordito loro omonimo EP di debutto del 2019 ha ottenuto elogi dalla critica britannica, con il singolo Toy. Nel 2021 hanno realizzato il loro primo album, Parallel, con la collaborazione del leggendario produttore Howie B, pubblicato dalla Fruits de Mer Records.

Come per il precedente singolo Humans, anche Little Light è accompagnato da un poderoso video realizzato dall’artista visuale Telavaya Reynolds. In collaborazione con i Pinhdar e la loro musica, il lavoro della regista di base a Los Angeles esplora la relazione tra gli esseri umani e i loro ambienti attraverso il movimento coreografico, ricercando le omologie tra la forma umana, gli oggetti artificiali e i modelli del mondo naturale. Il risultato è un’esperienza avvolgente e quasi mistica.

Qua sotto potete guardare in anteprima il video di Little Light con le coreografie di Tlathui Maza:

Exit mobile version