Home Notizie Dalla rete La BMG scarica Roger Waters per i commenti su Israele

La BMG scarica Roger Waters per i commenti su Israele

0
Roger Waters

Secondo quanto riportato da Variety, la BMG ha licenziato Roger Waters a causa dei commenti su Israele, ma anche su Ucraina e Stati Uniti

Roger Waters è stato licenziato dalla BMG, con la quale era sotto contratto dal 2016, a causa dei commenti dell’ex Pink Floyd su Israele ma anche su Ucraina e Stati Uniti. Waters aveva già detto di essere stato scaricato dall’etichetta durante un’intervista con Glenn Greenwald lo scorso novembre, parlando della separazione come del risultato delle pressioni dovute agli interessi filo-israeliani della società.

La notizia è stata riportata da Variety, che ricorda alcuni episodi di cui il musicista, che ha sempre respinto le accuse di antisemitismo, è stato protagonista negli ultimi anni per via delle sue posizioni politiche, dall’indagine per essersi esibito con un costume “in stile nazista” a Berlino al discorso al Consiglio di sicurezza dell’ONU dove sostenne che l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia non era stata “non-provocata”.

Nel 2023 la CAA (Campaign Agaist Antisemitism) ha condotto un’indagine interrogando ex colleghi di Waters che sostenevano che il musicista avesse fatto ripetuti riferimenti dispregiativi verso il popolo ebraico. La CAA ha anche pubblicato e-mail di Waters in cui proponeva che sul maiale gonfiabile che galleggiava sopra i suoi concerti fosse scritto uno slogan antisemita; nelle e-mail del 2010, suggeriva anche di “bombardare” il pubblico con coriandoli a forma di svastiche, stelle di David, simboli del dollaro e altri simboli.

Secondo quanto riferito a Variety da una fonte non citata, la BMG ha respinto la versione di Waters, che parla della lettera aperta della Creative Community for Peace che invitava la compagnia a “riconsiderare” il suo rapporto con il musicista”, e dichiarato invece che il CEO Thomas Coesfeld avrebbe preso la decisione da solo. La BMG ha rilasciato una dichiarazione in cui esprimeva “solidarietà a Israele” poco dopo l’attacco di Hamas del 7 ottobre.

Exit mobile version