Home Notizie Brevi Le paure di Mapuche nel nuovo video in anteprima Non Chiamarli Mostri

Le paure di Mapuche nel nuovo video in anteprima Non Chiamarli Mostri

0
Mapuche 7 2
(Credit: Tazio Iacobacci)

Non Chiamarli Mostri è il nuovo singolo di Mapuche. In anteprima il video animato realizzato da Francesca Tradii

Mapuche è un musicista e cantautore attivo dal 2008 che si nasconde sotto al nome di Enrico Lanza: chitarre scordate e una voce straniante e sbilencati capace di mettere assieme racconti cinici e amari. Il 12 dicembre uscirà il suo nuovo singolo, Non Chiamarli Mostri, title track e brano che anticipa il suo nuovo album in arrivo nel 2024 per Viceversa Records, prodotto da Dino Fumaretto.

Nel 2011 viene pubblicato il primo EP Anima Latrina, edito da Doremillaro (sb)Recs. Arriva poi L’uomo Nudo album (via Viceversa Records) prodotto da Lorenzo Urciullo (Colapesce). Nel 2014 è la volta di un altro EP, Compreso Il Cane (via Viceversa Records) registrato al Waterbirds Studios da Tony Carbone: cinque outtakes viscerali registrate con pochi arrangiamenti. Nel 2015 esce Autopsia (via Viceversa Records) con la produzione artistica affidata ad Alessandro Fiori, registrato tra la Toscana e la Sicilia. Nel 2017 è uscito su etichetta Doremillaro/Bandbackers esce Il Sottosuolo, prodotto da Cesare Basile.

Il brano Non Chiamarli Mostri, da cui è estratto il video animato che potete guardare in anteprima qua sotto, tratta della capacità di riuscire ad accettare i mostri che compaiono nei nostri momenti più bui, quelli con cui si fa fatica a lottare ma che al contempo producono meno mostruosità della vita reale e quotidiana. Francesca Tradii, autrice del video, ha scelto di rappresentare i mostri della canzone attraverso una nuvola/ragnatela/macchia, per esprimere al meglio la sensazione di oppressione e il tentativo di sfuggire da essa. Il mare, invece, rappresenta il luogo della sopravvivenza o, meglio, dell’illusione. La lavatrice è il momento della consapevolezza.


quando si riesce a buttare tutto fuori e guardarlo da un’altra prospettiva, per riconoscerlo”.

Qua sotto il video di Non Chiamarli Mostri, in anteprima:

Exit mobile version