Home Notizie Ascolta Ascolta in anteprima l’album d’esordio dei Leatherette, Fiesta

Ascolta in anteprima l’album d’esordio dei Leatherette, Fiesta

0
Leatherette Foto Micolguidetti
(Credit: Micol Guidetti)

Dopo l’EP Mixed Waste arriva l’album d’esordio per la band post punk italiana Leatherette, in uscita per Bronson Recordings e che possiamo ascoltare in anteprima

Leatherette non sono nuovi dalle parti di “Rumore”: avevamo ospitato l’anteprima del loro EP Mixed Waste e li abbiamo avuti anche sul palco di Futura Rumore a Passatelli in Bronson. Inoltre sono protagonisti Futura nel numero di ottobre di Rumore, che trovate in edicola.

Il quintetto è un incidente sonoro fatto di noise frastagliato, amore contorto, melodia oscura e angosciata ha prodotto un album incendiario. Il primo disco d’esordio è in uscita il 14 ottobre 2022 per Bronson Recordings in CD, vinile e digitale e lo potete acquistare qui. Fiesta offre una via di uscita per chiunque ne abbia bisogno. Il gruppo, di base, è di Bologna ma i membri sono provenienti da altre città d’Italia: si sono conosciuti on line e si sono formati come trio – con il cantante/chitarrista Michele, il bassista Marco e il batterista Francesco – prima di ampliare la loro line-up nel 2019 e accogliere a bordo Andrea, alla seconda chitarra, e Jacopo, il cui sassofono conduce lo stordimento generale verso direzioni inaspettate.

Non siamo una di quelle band costituite da amici di lungo corsoÈ strano, perché siamo individui molto diversi, ma dobbiamo per forza amarci l’un l’altro“. I cinque si sono cementati assieme attorno alla musica, anche se ogni membro porta con sé un peculiare groviglio di influenze: dai primi dischi degli Idles a gruppi emo del Midwest come American Football, da un sacco di rap alla  musica elettronica, dal garage ai King Gizzard & The Lizard Wizard, dall’art-rock dei King Crimson e del Bowie dell’era berlinese a John Coltrane e James Chance, sino a Frank Ocean. Il titolo, Fiesta, e l’artwork dell’album sono un riferimento alle corse dei tori di Pamplona:

È uno strano rituale. Siamo contrari alle corride, ma dal punto di vista iconografico sono affascinanti. Persino a livello metaforico lo sono, perché  la violenza scorre da entrambe le parti ma in maniera festosa. È simile a un concerto, in fondo: stai esprimendo cose violente, con un approccio fisico. E chi sta dall’altra parte reagisce a questo, il che è fantastico

L’album è stato registrato all’Outside Inside Studio e all’Audio Brothers Studio da Raffaele Marchetti, mixato all’Audio Brothers Studio da Raffaele Marchetti, masterizzato da Giovanni Versari. Qua sotto potete ascoltare in anteprima l’album Fiesta:

Exit mobile version